Pin by Hilary Sabater on Zapatos ideales | Pinterest | Shoes sandals, Sandals and High heel saor christian louboutin

Pinterest is

using cookies

to help give you the best experience we can.

Lets talk about these wedding shoes!
♕pinterest/amymckeown5
Find More at => http://feedproxy.google.com/~r/amazingoutfits/~3/RkmYiEOWCGM/AmazingOutfits.page
Sequin Sexy Women's T-Strap High He...
Red Two Strap Barely There Heels
ASOS-Discover Fashion Online
Jimmy Choo Tartini Square Pavé Crystal & Suede Pumps, shown in Champagne LOOKandLOVEwithLOLO
Duo Sleek Denim Open Toe Heel More
Giuseppe Zanotti Suede Strappy Heeled “Lilith” Sandals
13 breitling-superocean-44-review-rid-0.html. <a href=Louboutin Frauen Schuhe1 Likes, 8 Comments - Giuseppe Zanotti Design (@giuseppezanottimia) on Instagram: “You need nothing but the shoes to be sexy...New Caities for u❤️❤️❤️Now available in blue and…”" src="https://i.pinimg.com/236x/89/d2/4b/89d24b3711fd9d793708cce385a35cf6--women-shoes-heels-high-heels-sandals.jpg" srcset="https://i.pinimg.com/236x/89/d2/4b/89d24b3711fd9d793708cce385a35cf6--women-shoes-heels-high-heels-sandals.jpg 1x, https://i.pinimg.com/474x/89/d2/4b/89d24b3711fd9d793708cce385a35cf6--women-shoes-heels-high-heels-sandals.jpg 2x, https://i.pinimg.com/736x/89/d2/4b/89d24b3711fd9d793708cce385a35cf6--women-shoes-heels-high-heels-sandals.jpg 3x" style="-webkit-transition:opacity 0.04s linear;transition:opacity 0.04s linear;border-radius:inherit;opacity:1;display:block;margin:0 auto;border:0px;width:100%;max-width:100%;vertical-align:middle;position:relative;height:219px;" data-reactid="63"/>
Oooooooh I think these would look great on my feet :)
ermanno-scervino-details-spring-summer-2014
un poco de todo, pero lindo!
♕pinterest/amymckeown5

saor christian louboutin

christelijke louboutin trouwschoenen
louboutin do na fir
chaussures louboutins
mens cristiano louboutin
billig
  • Locations
    • India
    • Ahmedabad
    • Bangalore
    • Chennai
    • Coimbatore
    • Gurgaon
    • Hyderabad
    • Jaipur
    • Kochi
    • Lucknow
    • Mangalore
    • Mumbai
    • Nagpur
    • New delhi
    • Pune
    • Thiruvananthapuram
    • Vadodara
  • Channels
    • Automobiles
    • BJP
    • Bollywood
    • Business
    • Congress
    • Entertainment
    • Health
    • Lifestyle
    • NDA
    • Politics
    • Travel
    • UPA


Profumo di recensione

Marina

Pubblicato su 16 Novembre 2017 da Lucia Collo

Tags: #recensioni libri, #marina, #zafon

Buonasera carissimi, iniziamo la discussione di oggi con un romanzo accattivante: Marina,  dell'autore spagnolo   Carlos Ruiz Zafón .

Trama tratta da Wikipedia  

Barcellona, 1979. Oscar Drai è un giovane studente che vive la sua adolescenza tra le mura del collegio del posto. Di tanto in tanto ama concedersi delle ore lontano dalle soffocanti mura del convitto per esplorare le vie e i quartieri della città. Un giorno, passeggiando, viene attratto dalla musica di un grammofono che lo conduce alla finestra di una casa dalla quale sottrae un orologio da taschino dal quadrante scheggiato, appoggiato sul tavolo, e scappa. Qualche giorno dopo decide di riportarlo indietro; sarà in quell'occasione che conoscerà Marina e il suo enigmatico padre Germàn. Una profonda amicizia legherà i due giovani che si ritroveranno a dover trovare risposte a misteri ed enigmi che avvolgono le strade di Barcellona. I due ragazzi, infatti, si ritroveranno alle prese con la storia di Michail Kolvenik, un fabbricante di protesi. Quando tutto sembra procedere per il meglio, Oscar scopre che Marina è malata. Prima di morire, però, si fa promettere dall'amico che avrebbe scritto la loro storia e quella del misterioso caso di Kolvenik.

Carlos Ruiz Zafon biografia tratta da wikipedia

Autore di successo mondiale, vive dal   1993   a   Los Angeles, dov'è impegnato nell'attività di   sceneggiatore. Collabora regolarmente con le pagine culturali di   El País   e   La Vanguardia . Tradotte in oltre quaranta lingue, le sue opere hanno conquistato milioni di lettori e numerosi premi nei cinque continenti. Ha iniziato la sua carriera nel   1993   con una serie di   libri per bambini e ragazzi, tra cui   Il principe della nebbia .

Nel   2001   esordisce nella narrativa per adulti con il suo quinto romanzo,   L'ombra del vento   (Planeta,   2001), che, uscito in sordina in Spagna, ha conquistato col passaparola il vertice delle classifiche letterarie europee, diventando un vero e proprio fenomeno letterario.   L'ombra del vento   è stato un successo, con più di 8 milioni di copie vendute nel mondo, e solo in Italia, un milione e mezzo, acclamato come una delle grandi rivelazioni letterarie degli ultimi anni. È stato tradotto in più di 36 lingue e ha ottenuto numerosi premi internazionali, tra cui   Premio Barry per il miglior romanzo d'esordio   nel   2005.

Il 17 aprile   2008   esce per Planeta il secondo romanzo   El juego del ángel . La tiratura iniziale di questo libro è la più alta per una prima edizione in Spagna. Il 25 ottobre 2008 esce per   Arnoldo Mondadori Editore   la traduzione italiana del romanzo,   Il gioco dell'angelo , mentre nel maggio del   2009   esce in Italia   Marina .

Il 7 maggio   2010   esce, sempre per la Arnoldo Mondadori Editore, per la prima volta nelle librerie italiane   Il palazzo della mezzanotte   uscito in lingua spagnola nel   1994   con il nome di   El palacio de la medianoche . La successiva opera,   Il prigioniero del cielo   ( El prisionero del cielo , Planeta), è del 17 novembre   2011.

Il 22 novembre 2016 Mondadori pubblica   Il labirinto degli spiriti   ( El laberinto de los espiritus ), quarto libro della tetralogia dedicata al Cimitero dei libri dimenticati.

PROFUMO DI RECENSIONE 

Questo è il secondo romanzo, di questo autore, che custodisco gelosamente nella mia libreria. Un romanzo che non tradisce l'attesa. Una scrittura che cattura, che ti porta tra le strade di Barcellona, in ogni angolo, in ogni stradina, descritta così bene, che sembra di essere lì.Storie apparentemente molto lontane tra loro, ceti sociali diversi, si trovano avvinghiati in misteri, storie avventurose, crimini e molto altro ancora. Personaggi che si raccontano a poco a poco. Solitudini, destini segnati, malattie fisiche e psichiche, desideri incompresi, tutto si fonde a creare la trama. 

Oscar e Marina si trovano per caso ad affrontare un mistero che si protende per trent'anni e che solo grazie al loro operato e alle loro azioni giunge a termine. Un personaggio particolare, un animo inquieto Kolvenik, acuto, intelligente, eppure ossessionato dal desiderio di sconfiggere la natura e fermare la morte, dà vita a esseri oscuri, come la farfalla nera che venera.Un romanzo particolare, con un finale dolce amaro.

Avrei da dire molte altre cose, ma lascio a voi il piacere di scoprirle. Alla prossima.

Marina

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

Quattro amiche e un paio di jeans

Pubblicato su 7 Novembre 2017 da Lucia Collo

Buongiorno carissimi, iniziamo la discussione di oggi, con un romanzo molto carino: Quattro amiche e un paio di jeans,   di   Ann Brashares

Trama tratta da Wikipedia

Il romanzo narra la storia di quattro inseparabili amiche sedicenni che per la prima volta si ritrovano a dover passare l'estate in luoghi diversi. Sono però unite dall'affetto e da un paio di pantaloni "magici": jeans comprati in un negozio dell'usato che per miracolo vanno bene a tutte e quattro le ragazze, rendendole bellissime e sicure di sé. Decidono quindi di indossarli a turno, una settimana per una, fino a che non si rivedranno alla fine dell'estate. Inaugurano la stagione calda nella palestra "Gilda" di Bethesda, a Washington D.C. Quello è infatti il luogo dove le loro madri si sono conosciute ed hanno fatto insieme il corso pre-parto, il luogo dove è iniziato tutto per "le settembrine" (le quattro amiche, tutte nate a settembre). Le ragazze scrivono inoltre una serie di regole per l'uso dei Pantaloni:

  1. Non laverai mai i pantaloni
  2. Non li porterai mai con i risvolti in fondo: i risvolti sono fuori moda e lo rimarranno sempre, nei secoli dei secoli.
  3. Non pronuncerai mai la parola "ciccia" al cospetto dei Pantaloni e mai penserai "sono grassa" mentre li indossi.
  4. Non permetterai mai a un ragazzo di sfilarti i Pantaloni (ma potrai sfilarteli da sola in sua presenza).
  5. Non mettere le dita nel naso mentre indossi i Pantaloni ma ti sarà permessa una veloce grattatina se proprio muori dalla voglia di metterti le dita nel naso
  6. Al momento della nostra riunione, dovrai seguire le procedure previste per documentare il periodo in cui hai portato i Pantaloni.
  7. Dovrai scrivere alle tue Vere amiche durante tutta l'estate, ma potrai divertirti come una pazza anche senza di loro.
  8. Passerai i Pantaloni alle Vere Amiche secondo lo schema prestabilito dalla Vera amicizia. Il mancato adempimento di tale regola comporterà una severa sculacciata dopo la nostra riunione.
  9. Non indosserai mai i Pantaloni con la cintura né infilandoci dentro la maglietta (vedi regola n. 2).
  10. Ricorda: Pantaloni = Amore. Ama le tue amiche, ama te stessa.

Da questo momento per le quattro amiche iniziano una serie di avvenimenti e "incidenti" che stravolgeranno la loro vita.

ANN BRASHARES biografia tratta da wikipedia

È cresciuta a Chevy Chase, nel   Maryland, vicino a Bethesda, ed ha frequentato le elementari alla Sidwell School di   Washington D.C.

Ha studiato   filosofia   al Barnard College e in seguito ha lavorato come editor presso la 17th Street Productions e per la Alloy Entertainment. Vive a   New York   con il marito, l'artista Jacob Collins, e con i figli Nathaniel, Samuel, e Susannah.

La Brashares è diventata famosa grazie al libro   Quattro amiche e un paio di jeans   del   2001, a cui sono seguiti diversi altri capitoli:   Quattro amiche e un paio di jeans la seconda estate ,   Quattro amiche e un paio di jeans il tempo delle scelte ,   Quattro amiche e un paio di jeans per sempre in blu   e   Tre salici. L'amicizia è per sempre .

PROFUMO DI RECENSIONE

Questo è un romanzo che parte in sordina ma che a piano a piano, si fa spazio nel lettore. Sì, perché ognuna delle quattro ragazze, ti accompagna in un viaggio, ti porta con sè. Condivide e divide i suoi sogni, i suoi dolori, le sue speranze e anche le sue sconfitte. Ognuna con un fisico e un carattere diverso. Unico comune denominatore la fortuita nascita nello stesso periodo, e un insolito quanto "magico" paio di jeans.

Divise per l'estate da diversi impegni, ogni ragazza dovrà affrontare il proprio futuro, una tormentata e tortuosa crescita.  Tra sbagli, incomprensioni e qualche risata, tutte porteranno a casa il proprio bagaglio, la propria soluzione. Sempre con il  supporto delle amiche e dei Jeans che fanno un pò da armatura, da protezione, da scudo contro gli eventi e le difficoltà da affrontare.

Un romanzo piacevole che alla fine fa scorrere qualche lacrima. Avrei da dire molte altre cose ma lascio a voi, il piacere di scoprirle. Alla prossima.

 

Quattro amiche e un paio di jeans

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

Il codice Rebecca

Pubblicato su 3 Novembre 2017 da Lucia Collo

Buongiorno carissimi, iniziamo la discussione di un oggi, con un thriller mozzafiato: Il codice Rebecca.  Il codice Rebecca   ( The Key to Rebecca ) è un   romanzo   thriller   del   1980   di   Ken Follett   del genere   spy story , il genere preferito da questo scrittore, ad ambientazione storica. Il libro è composto da 3 parti per 28 capitoli complessivi.

Trama tratta da wikipedia

Estate   1942,   Egitto.   Rommel   ha circondato le forze   britanniche   in seguito ad una campagna militare che per gli   Alleati   si è dimostrata disastrosa. Il generale   tedesco   sembra essere imbattibile. I suoi successi sono però merito di una spia assolutamente fuori dal comune, Alex Wolff, il cui nome arabo è Achmed Rahmha, che riesce a impadronirsi dei piani strategici dell'esercito britannico e a comunicarli direttamente ai tedeschi. Le sorti della guerra stanno rapidamente per mutare e la   Germania nazista   presto potrebbe avere il sopravvento e riuscire ad entrare a   Il Cairo. Le speranze per gli alleati sono riposte in un ufficiale inglese, il maggiore William Vandam, che cercherà di fermare Wolff rubandogli la chiave del codice segreto, contenuto tra le pagine di   Rebecca , il famoso romanzo di   Daphne du Maurier, con la quale trasmette i piani alleati ai tedeschi.

Wolff arriva in Egitto dopo una lunga traversata del   deserto. Prima di giungere a Il Cairo, fa tappa nella città di   Assyut, dove si imbatte in una carovana di   nomadi   e, in seguito, in una pattuglia inglese, la quale però non viene insospettita dalla sua identità e anzi si offre di dargli un passaggio in città. Poco dopo però Wolff uccide uno degli agenti, e lo strano omicidio viene riportato al controspionaggio inglese. Il maggiore Vandam si mette così alla ricerca di Alex Wolff, seguendo le tracce dei soldi falsi che quest'ultimo utilizza per vivere.

L'unico alleato di Wolff è Sonja el-Aram, una soubrette che vive su una barca e odia profondamente i britannici. Con il suo aiuto, Wolff riesce ad avvicinare Sandy Smith, un maggiore inglese, al quale inizia a carpire di nascosto preziose informazioni. Nel frattempo, Vandam riesce ad assoldare Eléne Fontana, una prostituta di origini   ebree, a cui affida il compito di "farsi amico" Wolff. Questo lavoro diventa più difficile quando il rapporto tra Eléne e Vandam si fa sempre più intenso e lei inizia a desiderare di smettere di fare la prostituta. Eléne decide comunque di portare avanti la sua missione per fermare Wolff e impedire che i nazisti conquistino il suo paese.

Il romanzo prosegue con una serie di colpi di scena e con la sfida mozzafiato tra Wolff e Vandam, fino allo scontro finale nel quale si decidono non solo i destini di tutti i personaggi coinvolti, ma anche in parte le sorti della   seconda guerra mondiale   e, quindi, dell'intera umanità.

CURIOSITA':

l romanzo trae parzialmente ispirazione da un fatto realmente accaduto. Mentre faceva ricerche per il suo precedente romanzo   La cruna dell'ago , verso la fine degli anni '70, Ken Follett scoprì la storia di Johannes Eppler, una spia   nazista   con un background culturale per metà tedesco e metà arabo, essendo nato in   Germania   e cresciuto in   Egitto   dopo che sua madre si risposò con un ricco egiziano. Eppler operava in una barca sulle rive del   Nilo , aiutato nel suo lavoro di spionaggio da una soubrette, e usava un sistema di codici basato sul romanzo di   Daphne du Maurier   Rebecca .  

Ken Follett BIOGRAFIA tratta da wikipedia

Nasce a   Cardiff, nel   Galles, il 5 giugno   1949. Primo figlio di Martin Follett, un ispettore delle tasse, e di Lavinia Veenie, ha tre fratelli. Sviluppa fin da piccolo un grande interesse per la lettura. Si trasferisce a   Londra   con la famiglia all'età di dieci anni. Nel   1967   vince l'ammissione allo   University College di Londra, dove studia   filosofia   e inizia ad impegnarsi nella politica di   centro-sinistra. Si sposa con Mary nel   1968, e nello stesso anno nasce suo figlio Emanuele.

Dopo la laurea nell'autunno del   1970, intraprende un corso di giornalismo e inizia a lavorare come apprendista reporter a   Cardiff   nel   South Wales Echo . Dopo tre anni torna a Londra per lavorare nell' Evening News , il telegiornale della sera. Successivamente lascia il giornalismo e diventa vice-direttore generale della piccola casa editrice di Londra   Everest Books . Inizia inoltre a scrivere romanzi la sera e nei fine settimana come hobby. Il successo arriva lentamente, finché nel   1978, con la pubblicazione di   La cruna dell'ago   ( Eye of the Needle ),   un   thriller   ambientato durante la seconda guerra mondiale, diviene celebre in tutto il mondo. Il libro vince l'Edgar Award   e diventa un film per il grande schermo che vede come protagonisti   Donald Sutherland   e   Kate Nelligan.

Verso la fine degli   anni settanta, viene coinvolto nelle attività del   partito laburista britannico. Durante il suo impegno politico, conosce Barbara Hubbard, un deputato del Parlamento nelle file laburiste che in seguito diventerà   ministro   della cultura nel governo di   Gordon Brown. Ken e Barbara si sposano nel   1985. La coppia vive tra Londra e   Stevenage   (Hertfordshire), insieme a una vasta schiera di figli avuti nei matrimoni precedenti. Follett è un grande estimatore di   Shakespeare, e spesso è possibile incontrarlo alle rappresentazioni tenute dalla   Royal Shakespeare Company   di Londra. Adora la musica e suona il basso.

 

Nel gennaio   2008, in occasione della presentazione di   Mondo senza fine   a   Vitoria, in   Spagna, Ken Follett ha scoperto il velo su una statua che lo ritrae a grandezza naturale, opera dello scultore   basco   Casto Solana .

Ha fatto una breve apparizione nella miniserie televisiva   I pilastri della terra   ( The Pillars of the Earth ), tratta dal suo celebre romanzo, come membro della famiglia di Jack Shareburg. In occasione dell'uscita della miniserie   Mondo senza fine   ( World Without End ), anch'essa tratta dal suo libro omonimo, è stato invece protagonista di un documentario "sull'età buia del medioevo",   Journey into the Dark Ages.

Nel   2013   gli è stato conferito dalla   Mystery Writers of America   il premio   Edgar Award   nella categoria   Grand Master   per la sua straordinaria carriera di scrittore nell'ambito del genere   giallo.

PROFUMO DI RECENSIONE

Questo è decisamente un romanzo intrigante, che ti avvolge come in una spirale e ti proietta tra le file della guerra. Non si scende in  trincea, e non si prende parte a bombardamenti se non in forma marginale. La sua attenzione è tutta incentrata sulla figura della spia. Vera complice della vittoria e della sconfitta delle nazione a cui parteggia.

Qui si distinguono Alex Wolff , calcolatore e spietato: un uomo metà tedesco e metà arabo che usa queste sue caratteristiche per vincere la causa tedesca e promuovere la sua avanzata in Egitto. E la sua controparte: l'agente Vandam uomo apparentemente freddo, il cui compito è proteggere le informazioni e combattere lo spionaggio. Il primo usa ogni freccia al suo arco per il suo scopo, con estrema lucidità e agendo calpestando tutto e tutti (anche la sua complice, perversa e egoista come lui). Il secondo s'impegna fino allo sfinimento per proteggere i suoi ideali e la sua patria, rinunciando quasi a salvare il figlio e la sua aiutante (innamorata).

Una lotta nella lotta che procede di pari passo tra vittorie, sconfitte e flussi d'informazioni. 

Intrigante l'utilizzo del codice e del libro Rebecca, per la trasmissione spionaggio. Una continua serie di colpi di scena..  fino all'ultima pagina e quando tutto sembra perduto, la lotta continua diventando vero e propria sfida tra chi agisce in maniera selvaggia e spietata e chi mette avanti ogni valore morale e patriottico.

Avrei da dire molte altre cose ma lascio a voi il piacere di scoprirle. Io lo consiglio a chi piace il genere, perché questo è un romanzo che si ama e si odia allo stesso modo. Alla prossima.

Il codice Rebecca

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

I predatori blu

Pubblicato su 30 Ottobre 2017 da Lucia Collo

Buongiorno carissimi, iniziamo la discussione di oggi con un libro particolare ed interessante "I predatori blu. Un romanzo fantascientifico scritto da  Eoin Colfer   (noto come ideatore del ciclo   fantasy   di   Artemis Fowl, di cui vi parlerò più avanti ).

 

 

TRAMA Tratta da wikipedia

 

Satellite City è una   metropoli   del   futuro   interamente controllata dal satellite miyshi9 ed evoluta fino ad assumere connotati da incubo: un mostro di 25 milioni di abitanti, ammassati come miseri insetti.

Nello scenario terribile e grottesco di questa degenerata città, i ragazzi privi di famiglia, di   sponsorche possano riscattarli da una vita allucinante, sono rinchiusi in istituti che li sfruttano a loro piacimento, anche per testare nuovi e spaventosi   farmaci.

L'adolescente Cosmo Hill è una di queste innocenti cavie, almeno fino a quando il suo piano di evasione ottiene l'insperato successo dopo un incidente durante un normale trasferimento. Ma l'esistenza al di fuori delle mura dell'orfanotrofio   è tutt'altro che semplice, soprattutto quando Cosmo scopre di poter vedere piccole creature blu impegnate a succhiare l'energia vitale degli esseri umani; il ragazzo è un   Avvistatore , per alcuni un eletto, per altri l'ennesima stranezza da studiare e sfruttare. Affiliarsi alla banda dei Supernaturalisti, cacciatori di Predatori Blu, è forse la cosa più giusta da fare.

Eoin Colfer biografia tratta da Wikipedia 

È stato   insegnante   per quindici anni e ha vissuto in vari paesi (Tunisia,   Italia   e   Arabia Saudita). Dopo anni passati all'estero è tornato a stabilirsi nella sua   città natale. Ha iniziato a scrivere fin da ragazzo, preparando la trama di alcune   commedie   (costringendo i compagni a recitarle); il primo successo è arrivato con   Benny e Omar , ma ha acquisito una certa notorietà solo dopo la pubblicazione della serie di libri   Artemis Fowl . La   casa di produzione   Miramax Films   sta realizzando un   film   tratto dalla serie, con il titolo   Artemis Fowl   e che racconterebbe la storia di   Artemis Fowl   e   Artemis Fowl: L'incidente artico,

Nel   2004   vince il   Premio Cento   con   La lista dei desideri .

Nel settembre del   2008   gli è stato dato l'incarico di scrivere il sesto volume della serie della   Guida galattica per gli autostoppisti , ideata dallo scomparso   Douglas Adams.   E un'altra cosa...   è stato dato alle stampe nell'ottobre del   2009   in coincidenza con il trentesimo anniversario dalla prima edizione della Guida.

 PROFUMO DI RECENSIONE 

Questo romanzo è molto particolare, perché getta le basi su tematiche molto forti, come l'abbandono, gli orfanotrofi, il futuro e le sue possibili variazioni (in questo caso negative).

E' fondamentalmente un romanzo per ragazzi ma credo che possa essere un buon spunto per una lettura e un successivo scambio di idee in famiglia. 

Tutto ruota intorno ad esseri blu che sono mal visti perché risucchiano la vita, avvistati in casi tragici e di dolore. Non sono visibili se non a pochi ,e questi pochi fanno di tutto per debellarli. Li considerano un male, un qualcosa da eliminare, una piaga. Poi però qualcosa cambia  e nello stesso gruppo ci sono visioni differenti. Per scoprire, poi, che la realtà è un'altra. Che spesso l'apparenza inganna e la paura filtra le nostre emozioni e le plasma in mostri creati da noi stessi.

Insomma un romanzo avvincente con un finale inaspettato. Avrei da dire tante altre cose ma lascio a voi il piacere di scoprirle.  Se volete, lasciatemi le vostre impressioni, le leggerò con piacere. Alla prossima.

 

 

 

I predatori blu

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

Interstellar

Pubblicato su 11 Ottobre 2017 da Lucia Collo

Tags: #recensioni film, #spazio, #interstellar

 

Buongiorno carissimi,

iniziamo la discussione di oggi con un film avvincente che ci porta nello spazio. Parleremo di Interstellar,  un   film di fantascienza   del   2014   diretto da   Christopher Nolan .

TRAMA tratta da  wikipedia

Nel XXI secolo, il pianeta Terra sta diventando un ambiente inabitabile per l'uomo: il cibo infatti scarseggia perché solo poche colture resistono alla "piaga", un flagello naturale che si nutre di azoto e che consuma l'ossigeno dell’atmosfera. Per di più, immani tempeste di sabbia rendono la vita quotidiana impossibile. Il genere umano è dunque destinato all'estinzione entro due generazioni al massimo. Cooper, ingegnere ed ex-pilota della   NASA, vive e lavora nella sua fattoria con la sua famiglia: suo suocero Donald e i suoi figli Tom e la dodicenne Murphy (chiamata Murph). Sua moglie invece è deceduta anni prima. La piccola Murph, prodigio della matematica, assiste nella sua stanza a stranissimi fenomeni quali la caduta di libri e di altri oggetti dalla libreria: la sua conclusione è che la stanza sia infestata da un "fantasma" invisibile che sembra cerchi di comunicare con lei in codice Morse. Durante una grande tempesta di polvere, il fantasma forma strisce di sabbia sul pavimento. Cooper intuisce possa trattarsi di codice binario e ottiene così delle coordinate geografiche. Decisi a svelare il mistero, dopo un giorno di viaggio lui e Murph arrivano nel punto indicato dalle coordinate: lì la strada termina nel nulla. Immediatamente vengono catturati e condotti in quella che si rivelerà essere la base segreta della NASA, localizzata nel centro NORAD   e guidata dal professor John Brand e da sua figlia Amelia, valente biologa.

Il professor Brand capisce che Cooper è stato "scelto", dunque gli rivela il piano della NASA per salvare l'umanità. Per prima cosa gli svela l'esistenza di un cunicolo spazio-temporale, o wormhole, apertosi 48 anni prima in prossimità di Saturno, e secondo gli scienziati, opera di una civiltà superiore, esseri penta-dimensionali che intendono aiutare il genere umano. Il cunicolo infatti conduce ad un'altra galassia e a nuovi   pianeti, i quali potrebbero costituire la nuova "casa" dell'umanità. Dieci anni prima la Nasa aveva infatti lanciato la missione   Lazarus , inviando dodici astronauti su altrettanti pianeti, attraverso il wormhole. Tre astronauti su dodici, Miller, Edmunds e Mann, hanno inviato dati promettenti relativi a tre pianeti, sui quali sembrerebbe possibile sopravvivere, e orbitanti attorno a un buco nero   chiamato   Gargantua. Il professor Brand chiede a Cooper di dirigere e pilotare la missione esplorativa che, a bordo dell'astronave  Endurance , raggiungerà i tre pianeti; se uno di essi risultasse abitabile, Cooper dovrà ritornare sulla Terra per guidare l'esodo dell'umanità, a bordo di enormi stazioni spaziali. La tecnologia per costruire le stazioni non è però ancora perfezionata. Il professor Brand è comunque fiducioso che un giorno riuscirà a risolvere le iper-complesse equazioni della teoria del tutto che consentirebbero la costruzione delle stazioni. Cooper comprende che la missione rappresenta l'ultima possibilità di salvezza per l'umanità e accetta di prendervi parte; non può però rivelare i dettagli ai suoi figli, per non spaventarli sul futuro. La piccola Murph, vivendo la partenza come un tradimento del padre, che forse non rivedrà più, si rifiuta di salutarlo.

Il resto dell'equipaggio dell' Endurance  è composto dalla stessa Amelia, dagli scienziati Romilly e Doyle, e dai robot semi-senzienti TARS e CASE. Dopo due anni di viaggio fino a Saturno, la nave Endurance (una struttura radiale composta da 12 moduli), finalmente attraversa il tunnel spaziale, nel quale le leggi della fisica perdono di significato. Il primo pianeta che raggiungono è quello esplorato da Miller. Il pianeta risulta così vicino a Gargantua che   la gravità del buco nero rallenta lo scorrere del tempo: ogni ora trascorsa sulla superficie del pianeta equivale a sette anni sulla Terra. Mentre Amelia, Cooper e Doyle compongono la squadra di sbarco, Romilly rimane sull' Endurance  per acquisire dati sul buco nero. Il pianeta si rivela però totalmente inospitale e inabitabile, ricoperto da un unico oceano percorso da un gigantesco e distruttivo   moto ondoso. Miller, sulla superficie da un paio d'ore secondo il tempo del pianeta, è verosimilmente deceduta quando la sua nave è stata investita da un'onda. La squadra di sbarco rischia di subire la stessa sorte: al sopraggiungere di una immane onda, Doyle rimane ucciso e la nave, piena d'acqua, non potrà ripartire se non dopo alcune ore. Quando Cooper e Amelia raggiungono finalmente l' Endurance , sono trascorsi ventitré anni dalla loro partenza e Romilly è visibilmente invecchiato.

Sulla Terra, Murph è diventata adulta e lavora come scienziata alla NASA, aiutando il professor Brand che ancora non ha risolto le equazioni. Solo in punto di morte, Brand confida a Murphy di aver risolto quell'equazione ben prima della partenza di Cooper e di aver capito che la sua soluzione non permette di sviluppare le navi che avrebbero potuto portare in salvo gli abitanti della Terra. L'unica salvezza per la specie umana è quindi rappresentata dal "piano B" sempre predisposto da Brand: far nascere una nuova popolazione umana su un altro pianeta da embrioni congelati presenti a bordo dell' Endurance , condannando però gli umani ancora presenti sulla Terra a morire. Murph è sconvolta da queste rivelazioni, ma capisce altresì che il piano originario potrebbe ancora funzionare se si potessero raccogliere certe informazioni tuttavia presenti solo all'interno del buco nero, e pertanto inaccessibili.

Poiché nessuno sull' Endurance  conosce i veri piani di Brand, gli astronauti continuano la loro missione. Dopo il disastroso esito della prima esplorazione, rimane carburante per raggiungere solo uno dei due pianeti restanti. Dopo una drammatica votazione (si scopre infatti che Amelia era innamorata di Edmunds), il gruppo decide di raggiungere Mann e il suo pianeta, poiché è l'unico che ancora trasmette dati. Quando Amelia, Cooper e Romilly sbarcano sulla superficie, stranamente scoprono un ambiente freddo e coperto di ghiacciai, con un'atmosfera a base di ammoniaca, del tutto inabitabile. Mann comunque è ancora vivo, e lo risvegliano dall'ibernazione. Nella base di Mann arriva la notizia della morte di Brand tramite un videomessaggio di Murph, la quale rivela però anche la verità: l'impossibilità dunque di salvare il genere umano. Cooper, che l'ascolta, decide di tornare al più presto sulla Terra.

Gli astronauti con sgomento scoprono però che il dottor Mann aveva falsificato i dati, facendo credere che il pianeta fosse abitabile, anche se non lo era, solo per sperare che giungesse qualcuno a salvarlo. Non può dunque permettere agli altri di tornare sulla Terra e tenta di uccidere Cooper. Amelia accorre in suo aiuto e riesce a salvarlo. Romilly non scampa all'esplosione del laboratorio minato dal folle Mann. Rubando una navetta, Mann raggiunge l' Endurance   in orbita ma sbaglia la manovra di aggancio, causando così un'esplosione in cui rimane ucciso e che danneggia seriamente la nave. Solo l'esperienza e la determinazione di Cooper permettono a lui e ad Amelia di riprendere il controllo del veicolo e di salvarsi, a prezzo però di consumare altro prezioso carburante.

È ormai impossibile tornare sulla Terra; l'unica opzione per portare a termine almeno il piano B è raggiungere il terzo pianeta, quello esplorato da Edmunds, mediante una manovra chiamata fionda gravitazionale attorno al buco nero. L'avvicinamento al buco nero determinerà però un ulteriore ritardo di cinquantuno anni rispetto al tempo sulla Terra, ma non ci sono alternative. Affinché Amelia possa farcela, però, è necessario alleggerire la nave e Cooper e TARS si staccano dall'Endurance e si lasciano inghiottire dal buco nero. Incredibilmente Cooper non muore, ma entra in un tesseratto: un cubo quadrimensionale di un infinito spazio a cinque dimensioni, creato per l'occasione dagli esseri superiori che li stanno aiutando. In questo "non-luogo", che è la replica della stanza della figlia Murphy, moltiplicata per ognuno degli innumerevoli istanti vissuti dalla stessa Murph nella sua vita, Cooper riesce a controllare e a modificare il tempo e lo spazio. Si scopre allora che Cooper risulta essere il "fantasma" che comunicava con Murphy nella sua camera. Cooper riesce così a trasmettere a una Murph adulta i dati quantistici sulla   singolarità, raccolti nel frattempo dal robot TARS dentro a Gargantua. Questi dati consentono a Murph di completare la teoria del tutto, risolvere le equazioni e controllare la gravità. Conclusa la trasmissione dei dati, il tesseratto collassa e Cooper viaggia a ritroso attraverso il   tunnel spaziale; ormai allo stremo delle forze e condannato a morte certa, riappare vicino a Saturno. Secondo il tempo terrestre sono trascorsi 76 anni dalla sua partenza.